Magnificat Alda Merini

by Francesca on 2 novembre 2009

Ieri pomeriggio è morta a Milano la poetessa Alda Merini. La poetessa dei Navigli, la pazza della porta accanto (come amava definirsi), la donna che ha saputo con l”arte superare (o affrontare) la malattia mentale. La ricordo raccontando di un libro (sono lettere molto speciali) uscito lo scorso anno.

Sono poco più di cento pagine, ma di quelle che tolgono il fiato. Sono i testi  – non rivisti e con qualche errore di battitura – che la poetessa milanese Alda Merini scrisse tra il 1965 e il 1972.  Sono testi scritti nei giorni in cui le persone non potevano certo buttar giù i loro pensieri nelle mail, dedicarsi ad attività oggi di gran moda (vedi ore sui social network o attaccati al pc a giocare a cose come  ): era l”epoca della scrittura, quella su carta che rimane nel tempo. E che permette oggi, a noi, di capire qualcosa di chi le scrisse all”epoca. Quelle di Alda Merini sono le lettere della passione. Non solo di quella amorosa, ma anche del calvario per il reiterato internamento in un ospedale psichiatrico.

Dopo oltre trent’anni, questi fogli sono stati trovati in un baule nella casa sui Navigli dove Alda Merini fino a poco tempo fa viveva prima del ricovero all’ospedale San Paolo di Milano  dove è morta ieri pomeriggio: sono le «Lettere al dottor G» pubblicate da Frassinelli lo scorso anno.

Il destinatario delle missive redatte a macchina da scrivere o a mano durante i periodi di internamento al Paolo Pini di Affori è il dottor G, il neuropsichiatra Enzo Gabrici, che ebbe in cura Alda Merini nei periodi più cupi.

Leggere oggi questi scritti di Alda Merini, allora sposata con Ettore Carniti, proprietario di alcune panetterie, e madre di quattro figli (tre dei quali concepiti tra il va e vieni dal Pini), lascia commossi. Troviamo una giovane donna lucida e al tempo stesso appassionata osservatrice della malattia che deformava la sua mente, prigioniera di una situazione che non le permetteva di esprimere la sua arte. Di famiglia modesta e innegabile talento, la poetessa dei Navigli all’epoca era già apprezzata da autori quali Giorgio Manganelli, David Maria Turoldo, Luciano Erba e il suo primo libro in versi, «La presenza di Orfeo», fu lodato nientemeno che da Montale e Quasimodo.

Eppure. Eppure arrivò il manicomio, con «i lenti passi» nei corridoi. Poi l’elettrochoc, gli psicofarmaci («sono molto stanca – scrive -. Il Surmontil mi deprime e mi altera le idee») e la narcoanalisi. È lo stesso Gabrici a spiegarne il procedimento: «L’iniezione lenta di Pentothal provocava un progressivo e lento addormentamento e la successiva liberazione emotiva di contenuti del profondo che erano utili a far emergere sia cariche istintive represse sia immagini emotive del subcosciente». Ma una straziata Merini, in uno scritto del 1970, chiedeva: «Perché vuoi scavare nella mia anima per trovarvi ciò che di più meschino e di reietto vi abita?».

Ora amico e amato, ora temuto giudice, il dottor G – che ha letto alcune lettere solo prima della pubblicazione del volum- è il destinatario di righe che anticipano tutta la Merini-poetica di là da venire. La poetessa cantava la libertà («Ho sete della mia libertà e qui non è facile ottenerla, anzi qui dentro non esiste»), la disperazione («Io mi sono una donna che si dispera/ e non ha pace in nessun luogo mai»), la solitudine («So benissimo che al mondo nessuno si occupa di me»). Rifletteva sui “normali” che «non hanno mai provato il nero sapore della miseria» mentre lei, come scriverà anni dopo ne «L’altra verità», è una “diversa”. S’interrogava persino sulla necessità del trattamento sanitario obbligatorio e, con parole che solo l’esperienza sulla propria pelle sa suggerire, giudicava la legge Basaglia che impose la chiusura dei manicomi «non giusta e non necessaria».

Perché alcuni malati hanno bisogno di protezione, perché la paura più grande è tornare nel mondo: «Tutto io perderò, tornando fuori/ all’aperto nel mondo che qui dentro/ ove resiste un tremito o follia/ qui si nasconde veramente il vero».

Immgine di WTL photos

giampy 2 novembre 2009 alle 14:33

emozionante…

roberto 13 novembre 2009 alle 17:59

grazie Francesca, di sicuro non lo perdo e lo farò leggere ai ragazzi…

papà 18 aprile 2010 alle 17:49

anche se letto in ritardo:ottimo e brava

FRANCESCA 13 settembre 2010 alle 15:14

ciao, non ti conosco, sono di Bologna, volevo solo chiederti se puoi darmi l’esatto indirizzo della casa di Alda Merini. Potrò venire a Milano e vorrei andarci
Grazie
Francesca

Francesca 17 settembre 2010 alle 10:34

ciao Francesca
scusa se rispondo solo ora. La casa di Alda Merini si trova in Ripa di Porta Ticinese 47, zona Navigli. Se arrivi col treno da Bologna puoi prendere la metrò verde e scendere alla stazione di Porta Genova: è a 5 minuti a piedi da lì

Previous post:

Next post: